Un sabato del C… Cup Noodle

curiosità posta un commento

Momofuku Ando con in mano il Chikin Ramen di sua invenzione. Nel riquadro il logo del museo

Qualche tempo fa avevo scritto della visita alla fabbrica di Yakult poi dove imbottigliano la Coca-Cola.
Oggi invece sono andato assieme alla mia famiglia a visitare il Momofuku Ando Instant Ramen Museum. Chi di voi non conosce il Cup Noodle? Ebbene si, vicino a Osaka, e più precisamente a Ikeda si trova questo museo dedicato ai ramen istantanei di invenzione di Ando che fu anche fondatore della Nissin Foods.
Ci siamo andati in macchina ma si arriva facilmente anche in treno usando la linea Hankyu-Takaratsuka uscendo alla stazione di Ikeda. Da li ci vogliono pochi minuti a piedi.

alcune foto con momenti importanti di Momofuku Ando

Dopo l’invenzione di Ando nel 1958, questo prodotto divenne molto popolare in Giappone. Negli anni ’70 i vari produttori di instant noodle iniziarono ad aggiungere nuovi sapori ma ciò significava anche un aumento nei prezzi. Inizialmente le vendite ebbero una certa diminuzione per poi riprendere poco dopo. Al giorno d’oggi ci sono essenzialmente due tipi di Instant Noodle: quelli “tradizionali” e che costano poco e quelli più ricercati con diverse aggiunte come ad esempio gamberetti, carne di porco, uova etc…
Come in altri paesi anche in Giappone ci sono diversi tipi di instant noodle: ramen, udon, soba, yakisoba, pasta e altri ancora.

queste sono le confezioni Nissin Foods attualmente in mercato. Cliccate sull’immagine per un’ingrandimento e poi su “full size” per l’immagine migliore. Le varietà non mancano. Decine e decine di confezioni disposte in ordine di comparsa sul mercato.

Siamo arrivati al museo degli instant Noodle della Nissin Foods verso le 10:30 del mattino… alle 11:00 avevamo riservato per poter noi stessi preparare un chikin ramen tutto nostro :-)
Ogniuno ha avuto il suo bel numerino e a coppie ci si sedeva ad un tavolo per ricevere gli insegnamenti degli esperti 😛
A disposizione un grembiulino con il proprio numero e un bandana (che rimarrà nostro come souvenir). Un piccolo video e poi al lavoro. Dapprima ci viene chiesto di personalizzare il sacchetto che servirà da confezione per il nostro chikin ramen con dei pennarelli e di mettere il nostro nome e “data di produzione” sul retro. Poi tutti ad un altro tavolo dove troviamo gli ingredienti pronti per essere usati.

questo il set a disposizione di ogni coppia

mescolare gli ingredienti e creare un impasto per poi passarlo alla pressa

mia figlia all’opera

viene aggiunto del brodo di pollo e si mescola per altri 10 secondi

I dieci secondi devono essere dieci ci dicono… in effetti era tutto molto ordinato e preciso; nulla era lasciato al caso… forse anche un po’ troppo fiscale.
Infine prepariamo due porzioni da 100 grammi esatti (avevamo la nostra bilancia) che poi andranno ad essere fritte nell’olio.

ecco i nostri ramen che scendono nell’olio bollente

e mentre i nostri friggono, avanti con i successivi

vengono prima asciugati e poi preparati per essere messi nella busta che avevamo in precedenza personalizzato con i pennarelli colorati (io ci ho messo Ampanman) 😀

Ci siamo proprio divertiti nel preparare ognuno di noi il nostro Chickin Ramen da portare a casa…
Scendiamo al piano terra e scopriamo che c’è la possibilità di “creare” anche un proprio “Cup Noodle”! Occasione da non farsi scappare questa! Il tutto costa 300 Yen e si possono scegliere a proprio gusto quattro ingredienti da aggiungere ai noodle. Anche in questo caso si personalizza la confezione con dei pennarelli e poi si fa la fila per farsi dare il sapore del brodo (classico, al curry, salato… e poi non ricordo  :-( )

qui si comincia
vengono dapprima inseriti nel nostro barattolo i noodle fritti
poi si scelgono i quattro gusti. Io ho scelto ebi, kani, kimuchi e tamago con la zuppa a base di kare (curry)
poi il coperchio e la chiusura ermetica. Sembra proprio vera! E vi assicuro che lo è! 😀
ed ecco il mio personalissimo Cup Noodle! Messo in un sacchetto che viene gonfiato, si applica una cordicella rossa…

Amatissimi Cup Noodle, ma quanto siete buoni  😀
Per pranzo, manco a dirlo, siamo andati in un vicino ristorante di Ramen… oggi sembravano più buoni del solito; chissà perchè  😀
Per ulteriori fotografie ho preparato una galleria fotografica: Cup Noodle al Museo.

Link utili: sito del museoFondazione Ando