Aspettando Matsue (brava Kazu) eccovi il Giro-san del Lawson

curiosità 3 Commenti »

Aspettando il “famoso” post su Matsue (ma non riesco a trovare il tempo :-( ) desidero postare questo mini post che mi sembra interessante… nulla di culturale e nulla di particolarmente informativo questa volta.

Nel mio ultimo post vi parlavo della mia visita allo stabilimento della Coca-Cola e al tempio raffigurato sulle monete da 10 yen. Tornando a casa noto qualcosa di diverso nei kombini (convenient store – negozi di alimentari e beni di prima necessità aperti 24 ore al giorno) della catena Lawson! Attualmente la Lawson (chi è stato in Giappone sicuramente conosce questa catena di kombini) sta facendo un tipo di “fiera italiana”!!!! E dappertutto troviamo la faccia di… di? Si, di Giro-san, Girolamo Pancetta, opps, Panzetta 😀

Fino al 29 mi trovo a Nagasaki e noto oggi, tornando in albergo dopo una serata passata in un izakaya e in un pub, che anche da queste parti il Lawson sta avendo lo stesso evento… la fiera italiana con la figura di Girolamo che ci fa pubblicità.

Ho dovuto scattare qualche foto per il blog ovviamente…

Giro-san anche sui pani

Senza nulla togliere nulla a Girolamo, ma la qualità dei prodotti “italiani” (made in chissà dove) non sono certo motivo di vanto. L’immagine sulla qualità dei prodotti italiani rischia di andare a farsi friggere completamente con questo tipo di eventi. Il nome ITALIA sicuramente si diffonderà ulteriormente ma non sarà più quello di un paese che esporta prodotti di qualità… il rovescio di una medaglia?

ho comprato una bicicletta giapponese

curiosità 15 Commenti »

Da diverso tempo desideravo comprare una bicicletta nuova per mia moglie.
Una di quelle biciclette che ti aiutano “a pedalare” più facilmente. In città le strade non sono praticamente mai in salita ma se le distanze da percorrere sono relativamente lunghe un piccolo aiuto potrebbe essere alquanto gradito. Ieri finalmente mi sono deciso e l’ho comprata, non sarà una bici da olimpiade ma non è manco una bici qualunque. Sarà il mio regalo di Natale. Per lei, che si reca al lavoro in bici, spero che sarà una bella sorpresa. E siccome la bici sotto l’albero di Natale non ci sta proprio, ho messo le chiavi della bici in una scatoletta per gioielli e l’ho poi incartata. Sarà alquanto difficile indovinare il regalo! hehehehe

bicinuova.jpg

Le biciclette in Giappone si chiamano jitensha (oppure charinko, ma questo non è un termine elegante) e in generale (o nella maggior parte dei casi) sono tipicamente equipaggiate con un cesto oppure con un seggiolino (o anche due), un lucchetto e una linea semplice. Il costo medio è di 10.000 Yen (circa 60 euro) per quelle veramente a buon mercato e il prezzo aumenta ovviamente in base alla qualità e agli accessori. Nel caso della bicicletta che ho comprato per mia moglie il prezzo è Top Secret 😈 ma aggiungo che è un bel multiplo del prezzo base.
Vedo spesso delle mamme che portano i bambini all’asilo e hanno due seggiolini annessi alla bicicletta. Uno dietro e uno davanti (tra la sella e il manubrio), inoltre il cestello anteriore rimane. A dire il vero, anche a casa nostra avevamo due seggiolini per bicicletta… ma credo che non sia del tutto consentito dalle attuali leggi.

Bene, una bicicletta con batteria elettrica che si aziona cominciando a pedalare normalmente. Tre le modalità do potenza e tre i cambi (ovviamente Shimano :mrgreen: ).
bicinuovacambio.jpgbicinuovamodalita.jpg

Per comprare una bicicletta in Giappone bisogna rilasciare i dati del nuovo proprietario e un adesivo con il nome viene applicato alla bicicletta nuova. Questo serve per verificare il proprietario in caso di furto. Il furto di biciclette non è assolutamente raro come invece si cerca di far credere. A ogni proprietario viene chiesto di denunciare la propria jitensha alla polizia (alla quale si paga una piccola somma per il disturbo) che ti farà avere l’ adesivo da applicare. Se si compra una bicicletta nuova, tale procedura di registrazione verrà svolta dal commerciante. L’adesivo costa attualmente 500 yen. Se si compra una bicicletta usata, il nuovo proprietario è tenuto a rifare la procedura di registrazione presso una stazione di polizia.

bicinuovalucchetto.jpg
Il lucchetto in dotazione.
La chiave del lucchetto può essere usata anche per togliere la batteria.

bicinuovabatteria.jpg

Il seggiolone non è ovviamente in dotazione. Le cinture le dovrò togliere comunque, i bimbi ormai sono già un po’ grandicelli.

bicinuovaseggiolone.jpg

ps: per l’ingrandimento delle foto basta cliccarci sopra
ps2: come vi piace la bicicletta nuova?

pubblicità televisive in Giappone

generale 3 Commenti »

Chi è in Giappone avrà senza dubbio notato che le pubblicità televisive sono fatte in modo diverso rispetto a quelle che si vedono in Occidente. In Giappone le pubblicità sono considerate praticamente una forma d’arte, intrattenimento di per se’. Raramente verrete bersagliati con il nome del prodotto e raramente verrà reso noto il prezzo del prodotto stesso. Nella TV giapponese creare un’atmosfera è essenziale per le pubblicità. Non è raro che le musichette create per lo spot diventino delle hit oppure che gli slogan vengano ripetuti da milioni di giapponesi. Magari con un viso famoso, una frase d’effetto, un po’ di commedia o anche solo un po’ di scena. Non sempre è facile capire il nome del prodotto pubblicizzato durante i 15 secondi di messa in onda. “Le facce famose” scelte sono spesso quelle di uno straniero conosciuto, magari fresco fresco da Hollywood. Non sono pochi gli attori che hanno scoperto quanto sia lucrativo il mondo della pubblicità in Giappone… tra l’altro sono quasi certi che pochi o nessuno dei propri compatrioti mai vedranno le scene registrate in Giappone. Brad Pitt, Leonardo Di Caprio, Sean Connery, Arnold Schwarzenegger, Paul Newmann, Jodi Foster, Steven Spielberg, Demi Moore, Woopie Goldberg e molti altri si potrebbero aggiungere alla lista. Sylvester Stallone vendeva prosciutto e birra, Madonna (vestita da samurai) dichiara “i’m pure” pubblicizzando una azienda locale di liquori. I guadagni provenienti da questi contratti pubblicitari sono ovviamente tenuti segreti. Si stima che nel 2003 David Beckham (idolo dei campionati del mondo) e sua moglie Victoria abbiano guadagnato una somma che va da 400 a 500 milioni di yen per contratti di 2 anni con diverse compagnie di Tokyo.
Per molte aziende queste somme sono fuori portata e non raramente ci si accontenta con delle facce “straniere” residenti in Giappone.
Il Giappone ha le proprie star nel mondo delle pubblicità televisive e queste possono chiedere 100 milioni di yen per scena o anche più. in questa elite della TV giapponese vediamo Sanma Akashiya (noto in Giappone con il nick “Sanma Niisan” è uno dei tre grandi dei tre grandi intrattenitori), Ken Takakura (attore noto come il Clint Eastwood giapponese), Beat Takeshi (attore, commediante; non ha bisogno di presentazioni 😉 ), Sayuri Yoshinaga (attrice), Ayumi Hamazaki (cantante), gli SMAP, gli sportivi Ichiro Suzuki (baseball), Naoko Takahashi (maratoneta) e Hideoshi Nakata (calciatore noto anche in Italia).
Si stima che il costo di produzione di una singola pubblicità vari tra i 10 e 30 milioni di yen senza calcolare il costo degli attori. durante gli anni della bolla economica i costi erano molto più alti. Ai costi di produzione vanno aggiunti i costi per la messa in onda. Questi costi variano a seconda della durata e dal tipo di pubblicità. Vi sono due tipi di pubblicità: “spot” trasmesse tra i programmi e “time” trasmesse durante i programmi. Talvolta gli sponsor “time” pagano anche parte dei costi del programma stesso.
Da diversi anni ormai le pubblicità giapponesi hanno fatto il giro del mondo raccogliendo un numero sempre maggiore di appassionati. Le critiche variano sensibilmente e non sempre sono positive. Per un occidentale le pubblicità nipponiche appaiono talvolta stupide ed inutili, altre volte comiche e divertenti ma spesso sono semplicemente geniali; bisogna però abituarsi a questo modo tutto giapponese 😛

Da youtube scelgo questa pubblicità per voi. Al ragazzo non piace la voce maschile delle attrici…

Powered by xxx olympic games - Olympic Sports News Daily