I sakura al Maruyama koen di Kyoto

Attualità 7 Commenti »

Dopo la visita al Miyako Odori del 2 aprile ho colto l’occasione di essere “in zona” e di avere ancora del tempo prima di ritornare a Osaka per visitare il santuario di Yasaka che si trova poco distante.
L’idea principale era quella di scattare alcune foto e di fare una passeggiata nel parco Maruyama.
E invece sono rimasto piacevolmente stupito per quello che ho avuto la fortuna di poter vedere. Essì, doveva essere ovvio ma non ci avevo pensato! I sakura!
Il Maruyama Koen (parco Maruyama) è il luogo più visitato e maggiormente usato per il Hanami nella prima metà del mese di aprile di tutta Kyoto.
Il Maruyama Koen si trova subito dietro al Yasaka Jinja ed è particolarmente famoso per il shidarezakura, un tipo di ciliegio piangente (vedi foto).

difficile vedere una cosa più bella 😀

Il Yasaka jinjia e il Maruyama koen si trovano in fondo alla Shijo-dori, con l’autobus (dalla stazione di Kyoto prendere la linea 206 o 207) scendere alla fermata “Gion”, oppure arrivare con la linea Hankyu e scendere a Kawaramachi… una ventina di minuti a piedi circa.
Il Yasaka jinjia è il guardiano del distretto di Gion e viene talvolta chiamato “Gion-san“. Il santuario è dedicato a Susa-no-o (fratello della dea del sole Amaterasu Omikami), sua sposa Inadahime-no-Mikoto e i loro otto figli. I due eventi maggiori sono il festival di Gion (Gion Matsuri) del 17 luglio e le celebrazioni per l’anno nuovo nella mezzanotte del 31 dicembre.
Il santuario e il parco sono aperti 24 ore e l’entrata è gratuita.
Tanta gente quindi e tantissimi stranieri armati di macchina fotografica. Bancarelle che vendevano diverse specie di prelibatezze o giocattoli per bimbi… alcuni si facevano fotografare, altri invece no… a meno che non si compri qualcosa :mrgreen:

Una foto ricordo tra i ciliegi non deve mancare

Una coppia di americani che alla fine hanno accettato di provare quei pesci infilzati 😯

Questa foto la dovevo fare… :mrgreen:

tanta gente e tanti profumini

giovani studentesse si divertono

… e non mancano i “mostri” 😈

Da notare sui prati i tanti teli azzurri predisposti per la gente che desidera passare qualche ora per ammirare i sakura. Questi teli di plastica sono brutti da vedere in mezzo alla natura e in un posto altrimenti così spettacolare.

da notare la pubblicità per il Miyako Odori sul lampione.

Purtroppo il tempo non era ideale, il cielo era nuvoloso… ma soprattutto la mia macchina fotografica era “troppo digitale”, nel senso che di digitale ci aveva anche una bella impronta sulle lenti. Ovviamente l’ho scoperto solo vedendo le foto al PC 👿 quindi le foto non sono ben messe a fuoco purtroppo.

Una vista sul laghetto

La sera sembrerebbe che sia particolarmente bella in quanto usano illuminare i sakura e gli edifici del tempio, un’attrazione unica per gli abitanti di Kyoto e i molti turisti che arrivano in questo periodo. Mia moglie mi telefona per consigliarmi di fare con calma e di gustarmi lo spettacolo serale ma purtroppo avevo già preso il treno per tornare a casa e avevo quindi il telefonino spento. Ma dalla vita non si può avere tutto :smile:

Con la primavera arrivano i fiori di ciliegio… e non solo sui ciliegi

curiosità 14 Commenti »

Particolarmente freddo in questi giorni in Giappone. A Tokyo si è vista la neve e in questi ultimi anni la cosa è abbastanza rara.
Ho notato come ultimamente in Giappone ci si comincia a preparare per l’arrivo della primavera. No, niente di particolare… ma noto un continuo aumento di nuovi poster, pubblicità, confezioni etc… scrupolosamente in “rosa“, il rosa dei sakura (fiori di ciliegio). Nei supermercati snack e bibite vestite “sakura” non sono più una rarità. Qualche giorno fa ho preso una lattina di Chu-Hi (bevanda alcolica molto popolare in Giappone con diversi gusti disponibili) con petali di ciliegio dipinti sopra. Ieri ho preso il KitKat e altri snack “sakura” (vedi foto in basso).
Primavera significa non aver più bisogno di scaldare o di dover vestire pesante… il primo calduccio dopo la stagione invernale. Ma la primavera in Giappone significa soprattutto Sakura, il fiore nazionale del Giappone. La grande maggioranza di alberi di ciliegio in Giappone sono della varietà di Somei Yoshino (preso dal nome di un villaggio adesso facente parte di Toshima a Tokyo), yamazakura, yaezakura e shidarezakura ma in totale ci sono oltre 100 specie che possono essere trovate in Giappone.
Ci sono ovviamente diverse caratteristiche che contraddistinguono le varie specie, alcune ovvie e che consentono di riconoscere la specie. Una delle caratteristiche sono il numero dei petali. La grande maggioranza hanno 5 petali e il più diffuso è certamente il Somei Yoshino con petali quasi puramente bianchi con una leggera tonalità rosa. Alberi con fiori da più di cinque petali sono chiamati yaezakura.

sakura2007b.jpg
una foto scattata nel 2007

Ci si aspetta di avere anche quest’anno una fioritura tale da consentire molti al hanami (alcuni lo traducono con “contemplazione dei fiori di ciliegio” ma in realtà la gente va al parco per vedere i ciliegi in fiore, bere, mangiare e magari a giocare con i bambini… un “picnic primaverile” in pratica).

prodotti sakura
alcuni snack “rosa sakura”
Me li sono pappati tutti mentre scrivevo questo post
😈
(per ingrandimento clicca sulle foto)

Quindi petali di ciliegio non solo al parco e portarsi un po’ di Giappone in Italia diventa più facile. :mrgreen:

Powered by xxx olympic games - Olympic Sports News Daily