Finisce il lungo periodo natalizio

riflessioni 5 Commenti »

Chi mi legge da tempo saprà che cerco di rendere partecipi alle “mie avventure” i lettori in modo da far assaggiare ciò che vivo qui in Giappone. Da semplici pensieri alle immagini che più di tutto aiuta a far scorrere la fantasia.
Queste ultime settimane ho avuto modo di ammirare i momiji (gli splendidi aceri giapponesi) a Kyoto e a Kamakura. Sono passato per Yokohama e Tokyo per poi ritornare nella mia Osaka. Un salto a Kobe per ammirare i Luminarie e poi vivere il Natale per le strade di Osaka. In particolar modo è degno di nota la zona di Nakanoshima che offre delle illuminazioni veramente stupende. Un gigantesco albero di Natale (The World Linking Xmas-Tree) di fronte al municipio e la Miotsukushi Promenade con luci ed eventi subito a sud del municipio.

Albero di Natale dalla Norvegia
Albero di Natale dalla Norvegia

Poco distante si trovano i capolavori dell’università delle Arti di Osaka.
Molta gente per ammirare colori e luci nonché per assaggiare qualche spuntino.

scultura nella sabbia realizzata dall'universita delle Arti di Osaka
scultura nella sabbia
pupazzo di neve gigante
pupazzo di neve gigante
ceri profumati
ceri profumati
alberi che cambiano colore
alberi che cambiano colore

Dall’alto Osaka in questi giorni è più bella che mai… specialmente di sera. La settimana scorsa sono stato al 36esimo piano del Swissotel di Osaka a Namba dove il ristorante “Tavola 36” offre un viking (si paga un tot e si mangia a volontà) a base di fondue al cioccolato e dessert. Due ore a disposizione per gustarsi non solo i dolci ma anche il panorama sulla città.

Dal 36-esimo piano a Namba
Dal 36-esimo piano a Namba

Vista serale dal Swissotel di Namba a Osaka. La foto non è venuta un granchè ma si può vedere la Midosuji-dori, la zona di Shinsaibashi e in fondo la zona di Umeda.

Namba Parks a Osaka
Namba Parks a Osaka

Eravamo seduti alla finestra e sotto avevamo il quasi nuovo complesso commerciale di Namba Parks, (nella piazza davanti al Namba Parks si intravede l’albero di Natale che avevo postato in un post precedente) di fianco i binari del treno che parte dalla stazione di Nankai. Si può inoltre notare la torre di Osaka poco sopra il centro della foto.
Il Natale sta per finire… è durato circa due mesi, cioè da quando, verso la metà di ottobre, le vetrine hanno fatto posto alle decorazioni natalizie. Poi gli alberi illuminati in ogni piazza disponibile…. luci, luci e luci.
Con il 24 di dicembre (giorno lavorativo) il lungo periodo natalizio finisce… la sera del 24 diventa per molte coppie un “San Valentino” e coloro che lavorano nei negozi fanno gli straordinari per cambiare le vetrine. Il 25 di dicembre si lavora normalmente e al posto degli alberi di Natale e delle decorazioni natalizie assaporeremo un’atmosfera per l’anno nuovo, lo shogatsu.
A casa mia la cena di Natale la facciamo oggi, 23 dicembre, in quanto è giorno festivo in Giappone grazie al compleanno dell’imperatore che oggi compie 75 anni. Domani si lavora, dopodomani pure. Quindi oggi cena di Natale e domani sera ci scambieremo i regali… ai miei piccoli quest’anno va una Wii con la Wii Fit… da parte della nonna la Mario Kart con due volanti (per giocare anche in coppia). Non sono proprio un amante dei videogiochi ma la Wii gliela fregherò spesso… e spero solo di battere mia moglie 😛

Non mi resta che augurare a tutti delle belle feste natalizie    

nota: l’anno scorso avevo postato due post “natalizi” con immagini delle vetrine e strade di Ginza e Nihonbashi a Tokyo. Se può interessare eccovi i link:
primo postsecondo postgalleria fotografica.

Prima settimana del 2008 – svago a Dotonbori per molti

Cultura 3 Commenti »

L’ultimo fine settimana era ancora all’insegna delle festività di Anno Nuovo. Le scuole cominciano solo domani e la gente trascorre con le famiglie le ultime ore di svago.
Sono passato per Shinsaibashi (Osaka) e la marea di gente è paragonabile a quando vincono gli Hashin Tigers :mrgreen:
La shotengai (la lunga galleria che porta da Shinsaibashi, ma credo che parta già da Honmachi, e arriva a Namba) presentava una folla di gente che si faceva difficoltà a passare. Ancora in decorazioni di shogatsu, i negozi erano in piena attività. Interessanti le due statuette d’oro massiccio da 1 oku en (600.000 euro 😯 ) in una vetrina che hanno fatto vedere anche alla televisione.

ichiokuen.jpg
1 Oku di Yen per ognuna delle due statue d’oro

Arrivando nella zona centrale per quanto riguarda l’intrattenimento ho notato con piacere che il Ebisu-bashi (ponte Ebisu) a Dotonbori è finalmente stato completato. Il ponte è famoso in quanto fan della squadra degli Hanshin Tigers si buttano da questo ponte per festeggiare le grandi vittorie. A Dotonbori è possibile fare shopping, mangiare proprio di tutto quello che la cucina tipica del Kansai può offrire e visitare teatri. Dotonbori fu iniziato nel 1612 per cercare di migliorare il commercio nella regione. Nei tempi migliori vi erano 6 teatri Kabuki e 5 teatri Bunraku. L’interesse per quest’arte tradizionale continuava però a diminuire contribuendo alla chiusura di alcuni di questi teatri. Gli ultimi 5 teatri furono poi distrutti dai bombardamenti durante la seconda guerra mondiale.
Aperto solo qualche anno fa il Dotonbori Gokuraku è ormai una delle attrazioni maggiori per chi viene da fuori. Un enorme palazzo in architettura “tradizionale” ospita un vasto numero di ristoranti tipici di Osaka. Takoyaki e Okonomiyaki, sushi e udon a volontà quindi :smile: ma anche teatro e danza popolare. l’entrata è di 300 yen per gli adulti.

dotonbori.jpg
Davanti al Gokuraku un simpatico poliziotto regala una guida (vedi piccolo video sotto)
dotonmboribashi.jpg
La folla

Il canale Yohori che passa è stato abbellito sensibilmente in questi ultimi anni e dispone di una passeggiata. Si arriva al centro commerciale chiamato Don Quijote aperto anche questo solo pochi anni fa. Di particolare è la grande ruota panoramica. Per 600 Yen è possibile vedere non solo la zona di Shinsaibashi ma una buona parte della città.
Altre attrazioni sono il Kuidaore Ningyo (la statua che si muove suonando un tamburo) e l’enorme insegna della Glico raffigurante un atleta che passa il traguardo.

donquijote.jpg donquijotepanorama5.jpg
La grande ruota panoramica e vista panoramica verso Namba

Questo è anche il periodo per i saldi… per il BARGAIN e il SALE (o per il DAIBARGAIN o BARGAINSALE), insomma per le svendite.

buonannohellokitty.jpg
Hello Kitty dà il Buon Anno ai passanti e li invita ad entrare nel suo negozio specializzato

bargainnambawalk.jpg
Svendite al Namba Walk fino al 15 gennaio
(Ba-rugen namba uan)

buonanno.jpg
La Hinomaru (bandiera nazionale) per chilometri e chilometri in bella mostra.

Numerosi anche i Pachinko… e anche questi affollati. La cosa che mi stupisce sempre più è il numero di vecchiette che ci giocano 😯
Arrivati a Namba e si vuole ancora vedere negozi o mangiare qualcosa? Il Namba Walk è una lunga serie di negozi e ristoranti sotto terra che parte da Namba e arriva alla stazione di Nihonbashi.

Powered by xxx olympic games - Olympic Sports News Daily